Artisti » Mario Donizetti » I Vizi Capitali
 
indietro
Mario Donizetti
"Superbia"

Lo naturale [amor] è sempre sanza errore,
ma l'altro puote errar per malo obietto
o per troppo o per poco di vigore.
(Purg. XVII, 94-96)

è chi [superbo] per esser suo vicin soppresso
spera eccellenza, e sol per questo brama
ch'el sia di sua grandezza in basso messo;
chi [invidioso] podere, grazia, onore e fama
teme di perder perch'altri sormonti,
onde s'attrista sì che 'il contrario ama;
ed è chi [iracondo] per ingiuria par ch'aonti,
sì che si fa della vendetta ghiotto,
e tal convien che il male altrui impronti.

Questo triforme amor qua giù di sotto
si piange...
(Purg. XVII, 115-125)

"Quei fu al mondo persona orgogliosa;
bontà non è che sua memoria fregi:
così s'è l'ombra sua qui fur´osa.
Quanti si tengon or là su gran regi
che qui staranno come porci in brago,
di sé lasciando orribili dispregi!".
(Inf. VIII, 46-51)

Non vo' però, lettor, che tu ti smaghi
di buon proponimento per udire
come Dio vuol che 'l debito si paghi.
(Purg. X, 106-108)

Ed elli a me: "La grave condizione
di lor tormento a terra li rannicchia,
(Purg. X, 116-117)

Come per sostentar solaio o tetto,
per mensola tal volta una figura
si vede giugner le ginocchia al petto,

[...sotto a quei sassi... così fatti vid'io color...]
(Purg. X, 130-132, 119-135)

Vero è che più e meno eran contratti
secondo ch'avìen più e meno a dosso;
e qual più pazienza avea nelli atti,
piangendo parea dicer: "Più non posso".
(Purg. X, 136-139)

quell'ombre orando, andavan sotto il pondo,
(Purg. XI, 26)

purgando la caligine del mondo.
(Purg. XI, 30)

"E s'io non fossi impedito dal sasso
che la cervice mia superba doma,
onde portar convienmi il viso basso",
(Purg. XI, 52-54)

"L'antico sangue e l'opere leggiadre
di miei maggior mi fer sì arrogante,
che, non pensando alla comune madre,
ogn'uomo ebbi in despetto tanto avante,
ch'io ne mori'; come, i Sanesi sanno"
(Purg. XI, 61-65)

Credette Cimabue nella pintura
tener lo campo, e ora ha Giotto il grido,
sì che la fama di colui è scura:
(Purg. XI, 94-96)

Non è il mondan romore altro ch'un fiato
di vento, ch'or vien quinci e or vien quindi,
e muta nome perché muta lato.
(Purg. XI, 100-102) 

opera

Colori freddi per la fredda Superbia, così presa d'amore di se stessa da credersi superiore fino al disprezzo degli altri ridotti a manichini ai suoi piedi.

Viso altero, sdegnoso, inavvicinabile, insolente. Occhi di ghiaccio. Tutto intorno diviene un deserto di solitudine.

La casa con piccole e poche finestre È torre e fortezza con feritoie, dove rinchiudersi e separarsi dagli altri.

Triste È il volto della Superbia incapace di uscire dal proprio "Io" e di andare verso l'altro, incapace di quella umiltà "ov'È perfetta letizia", incapace della cordialità, che È rapporto con gli altri uomini a cuore aperto. Da lei, secondo Bernardo di Chiaravalle, dipende ogni altro vizio dell'uomo, perciò la si incontra nella più bassa delle sette cornici del Purgatorio dantesco, oppressa dal peso di pesanti macigni che curvano i peccatori sino a terra. È la prima delle sette "P" da cancellare per ascendere alla felicità del Paradiso.

Per Superbia Lucifero da Angelo divenne Demone precipitato negli Inferi. Per Superbia Adamo ed Eva furono cacciati dall'Eden. Per Superbia i tiranni di ieri e di oggi, accecati dall'orgoglio delle proprie ricchezze e del proprio potere, sono causa continua di ingiustizie, di distruzione, di morte. Intorno non hanno che una distesa di manichini: servi mutilati nello spirito, o ribelli martirizzati nel corpo.

indietro