Artisti » Emanuela Fera » Testi e Pubblicazioni
 
indietro
Emanuela Fera
Testo Critico
Simone Fappanni (Critico e Storico d'Arte)

"Il sottile respiro della vita nelle opere di emanuela fera"

Emanuela Fera è un'artista che, come hanno dimostrato anche le numerose partecipazioni a rassegne allestite sia in Italia che all'estero, sa plasmare materiali eterogenei per realizzare opere irripetibili, pezzi unici come unica è la sua tecnica esecutiva per la quale ha conseguito – cosa davvero rarissima – il Brevetto d'Ingegno. In lei convergono un talento e una passione pura e una capacità esecutiva disarmante e impressionante per precisione e meticolosità. Ogni suo lavoro, infatti, non nasce dal caso, dalla mera improvvisazione, che pure potrebbe essere una strada percorribile e legittima. Ogni suo lavoro è invece il frutto di una ponderata scelta e tutto si incastona perfettamente, quasi fosse un diamante appena tagliato. E di pietre preziose non è affatto peregrino parlare, se si pensa che Emanuela le maneggia con destrezza tanto da renderle non semplici parti ornamentali di molti suoi lavori, ma parti integranti, se non addirittura fondamentali e fondanti degli stessi. Siamo di fronte, dunque, a vere e proprie architetture visive, a poesie che si materializzano davanti ai nostri occhi. Esse hanno il dono della leggerezza nonostante il loro peso oggettivo e il senso dell'incanto, ponendosi in un dialogo, stretto e serrato, con l'osservatore che dinanzi a esse non può rimanere indifferente. Anzi, viene quasi invitato, con la dolcezza che contraddistingue Emanuela, a scoprirne i significati più riposti che vanno ben oltre la già evidente bellezza estetica di opere che profumano di seduzione e di sensualità seduttiva. Si tratta di ragioni personali, se non addirittura personalissime, come si evince dai versi poetici che vengono impressi sui vetri e cristalli multicolore che compongono l'intelaiatura di base dei quadri di Emanuela Fera. Testi che immediatamente riescono a definire il tema o il soggetto dell'opera, ma che poi si perdono nell'opera stessa, la quale, in virtù di questa spiccata originalità, risulta estremamente fruibile anche da chi non frequenta abitualmente musei e gallerie d'arte. Non stupisce pertanto il successo che l'artista bergamasca sta riscuotendo, ormai da anni, sia in Italia che all'estero, in cui i suoi pezzi vengono frequentemente esposti con successo in spazi alquanto prestigiosi. A qualsiasi latitudine geografica e culturale, Emanuela riesce a farsi apprezzare, dato che il suo linguaggio artistico, fortemente metaforico, s'innerva di quella musicalità che riesce a toccare gli angoli più riposti dell'animo e del cuore ed è forse anche per questo "sottile respiro di vita", vita vera, che le sue opere riescono ad emozionare.

indietro